Verana

Poche le informazioni certe su questa frazione che sembra sia sorta nel 1730
e abitata per la prima volta dalla famiglia Rigamonti proveniente da Cadrega.
Nel 1786 gli abitanti erano 10.
 




 

Nel 1851 il parroco don Giuseppe Rimoldi (1842-1864), con lo "Stato d'Anime" fa un censimento della popolazione della parrocchia di Masnaga.
I comuni in quegli anni erano ancora tre: Tregolo, Centemero e Brenno.
Il comune di Centemero comprendeva le frazioni di Cassina, Londona, Verana,
Paradiso superiore, Paradiso inferiore, Gonzaga, Museghetto, Musico, Volpera.
Facevano parte della Parrocchia anche Baggero e Campo di Marzo del comune di Merone e Cibrone del comune di Nibionno.
Ecco i cognomi dei nuclei familiari di:

VERANA

Beccalli, Colzani, Lanfranchi, Origgi, Piola, Redaelli.

 

Proprietaria della vecchia costruzione e dei terreni circostanti della Verana la famiglia Trayter di Milano.
 



 


Nel 1931 il prevosto, don Cristoforo Allievi (1927-1960), redige lo "Stato d'Anime",
vero e proprio censimento della popolazione di Costa Masnaga,
che terrÓ aggiornato per tutti gli anni che sarÓ alla guida della parrocchia Santa Maria Assunta.
Questo documento ci permette di stabilire quali nuclei familiari hanno risieduto dal 1931 al 1959
nella frazione Verana coi rispettivi cognomi:

Corbetta, Crippa, Fasola, Frigerio, Fumagalli, Ghezzi, Lanfranchi, Marelli, Panzeri, Redaelli, Rigamonti, Riva, Sirtori.

 

 


Nel basso della foto di sinistra si vede il campo del ritrovamento del 1934.
Nella foto di destra, anni '40-'50,  si vede dove era stato costruito
il campo sportivo (in basso sulla destra si intravede la porta)

 

 


Nel 1934 coi lavori del campo sportivo vennero rinvenute 4 urne contenenti fiale, coltellini e ninnoli. Tutto il materiale and˛ disperso.

 

 

 

 

Ecco come si presentava la frazione negli anni '70

Torna alla mappa