Samarino - Somarino - Sammarino

Somarino compare per la prima volta in un documento del 1177.
In un documento del 1573 Somarino è indicato come Comune.
Nel 1578 vi erano 7 famiglie per un totale di 56 persone.
Nel 1750, con la riforma del catasto del governo austriaco,
Somarino cessa di essere comune e viene
(con Costa, Masnaga, Suella, Crotta, Recupero, Cadrega e Petana)
aggregato al comune di Tregolo.

Verso il 1750 venne costruito un Oratorio dedicato a S. Marino da questo "forse"
il nome della frazione Samarino dalla gente chiamata anche Somarino.
Nel 1786 Samarino aveva 58 abitanti, nel 1851 79 abitanti.








 

Nel 1851 il parroco don Giuseppe Rimoldi (1842-1864), con lo "Stato d'Anime" fa un censimento della popolazione della parrocchia di Masnaga.
I comuni in quegli anni erano ancora tre: Tregolo, Centemero e Brenno.
Il comune di Tregolo comprendeva le frazioni di Masnaga, Palazzina, Sammarino,
Suella, Crotta, Recupero, Costa, Pettana, Cadrega.
Facevano parte della Parrocchia anche Baggero e Campo di Marzo del comune di Merone e Cibrone del comune di Nibionno.
Ecco i cognomi dei nuclei familiari di:

SAMMARINO

Bartezaghis, Beccalli, Binda, Colombo, Corti, Decio, Fumagalli, Giovenzana, Mauri, Pirovano, Proserpio,
Ratti, Redaelli, Ricardi, Rigamonti, Riva, Rusconi, Spinelli, Tentorio.

 

Nel 1855 venne costruito nella frazione un lazzaretto
per il colera scoppiato a Costa Masnaga.
Nel 1896  vi erano a Samarino 13 famiglie con 94 persone.
Nel 1911, durante lavori per la costruzione della ferrovia Monza-Molteno,
vennero alla luce 4 tombe gallo-romane a cremazione di 60 cm.
Nelle tombe furono trovati i seguenti oggetti:
una scodella di terracotta, un bidente in ferro, un piatto di terracotta, due vasi
(uno contenente ossa cremate), una bottiglia, una ciotola, un piattello e un coltello.

Coniugi di Samarino

 

Cartoline di Samarino
(a sinistra del 1926
a destra del 1942)

 








 

Nel 1931 il prevosto, don Cristoforo Allievi (1927-1960), redige lo "Stato d'Anime",
vero e proprio censimento della popolazione di Costa Masnaga,
che terrà aggiornato per tutti gli anni che sarà alla guida della parrocchia Santa Maria Assunta.
Questo documento ci permette di stabilire quali nuclei familiari hanno risieduto dal 1931 al 1959
nella frazione Samarino coi rispettivi cognomi:

Agrati, Aldeghi, Arrigoni, Bartesaghi, Beccalli, Bertacchi, Bettiol, Bonetti, Brambilla, Brusadelli, Castelli, Cattaneo, Citterio, Cogliati, Colombo, Conti, Corti, Dalla Rosa, Delievez, Donghi, Frigerio, Folci, Fumagalli, Gerosa, Giussani, Limonta, Luraghi, Maggioni, Mandolesi, Mauri, Mazzon, Molteni, Negri, Nicolini, Nobili, Panzeri, Pirovano, Ravasi, Redaelli, Rigamonti, Riva, Rossini, Sala, Scaglione, Sirtori, Sola, Spreafico, Stego, Turati, Valdini, Verganti, Viganò, Vismara.

 

Lavorazione bozzoli del baco da seta a Samarino negli anni '40

 
 

   

 

 

Samarino negli anni 70

 

1978
Nel 1° volume "Ville della Brianza" troviamo anche Samarino

 

 

 

 

 

1978 Samarino e vecchie abitazioni demolite

 

Samarino nel 2000

 

Torna alla mappa