Cascina Gonzaga (Brusola)

La costruzione iniziale risale probabilmente tra il 1721 e il 1755.
Il proprietario Giovanni Battista Gonzaga, proveniente da Milano,
è il primo della stirpe dei Gonzaga che compare nei documenti,
quale residente in Centemero.
Giovanni Battista Gonzaga, in alcuni atti, è detto residente
nella "Casa o Cascina Nuova di Centemero" ,
forse l'insieme degli edifici che in seguito prenderanno il nome del proprietario:
"Cascina Gonzaga".
Alla morte di Giovanni Gonzaga la proprietà passerà nelle mani del figlio Luigi
che la cederà poi in cambio di una porzione di abitazione in Centemero.
Nella seconda metà del '700, negli atti, non viene più trovata la denominazione
"Casa Nuova di Centemero"
ma assieme a "Cascina Gonzaga" compare la denominazione "Brusola".

(Gaetano Riva, storico locale, nel 1998 farà una ricerca sui Gonzaga negli archivi Parrocchiali
e avanzerà l'ipotesi che il nome Brusola sia da attribuire, forse, a un incendio che ha interessato
nella sua storia la "Cascina": infatti nel nostro dialetto bruciato è detto brusà.)

Maria Gonzaga, morta nel 1813, sarà l'ultima dei Gonzaga nel nostro Paese.

***Gli eredi dei Gonzaga, residenti nella città di Salto e nella capitale Montevideo
in Uruguay, ci hanno gentilmente fornito le notizie in loro possesso,
riguardanti la nascita e i passaggi della proprietà della Cascina Gonzaga (Brusola)
posta nel territorio del vecchio comune di Centemero.
E' in atto pure, da parte loro, una ricerca per stabilire se ci siano rapporti tra la
famiglia Gonzaga di Centemero e la stirpe Gonzaga di Mantova:
sarà gradita qualsiasi informazione  a riguardo
***

Nel 1786 abitavano nella frazione 25 persone.

 





 

Nel 1851 il parroco don Giuseppe Rimoldi (1842-1864), con lo "Stato d'Anime" fa un censimento della popolazione della parrocchia di Masnaga.
I comuni in quegli anni erano ancora tre: Tregolo, Centemero e Brenno.
Il comune di Centemero comprendeva le frazioni di Cassina, Londona, Verana,
Paradiso superiore, Paradiso inferiore, Gonzaga, Museghetto, Musico, Volpera.
Facevano parte della Parrocchia anche Baggero e Campo di Marzo del comune di Merone e Cibrone del comune di Nibionno.
Ecco i cognomi dei nuclei familiari di:

Gonzaga

Buzzi, Calderara, Cazzaniga, Canale, Colombo, Corti, Galli, Giudici, Mauri, Negri, Perego, Redaelli, Sala.

 

 In questa mappa del 1888 vediamo, nella zona evidenziata, Centemero e Cascina Gonzaga
 

 






 

Nel 1931 il prevosto, don Cristoforo Allievi (1927-1960), redige lo "Stato d'Anime",
vero e proprio censimento della popolazione di Costa Masnaga,
che terrà aggiornato per tutti gli anni che sarà alla guida della parrocchia Santa Maria Assunta.
Questo documento ci permette di stabilire quali nuclei familiari hanno risieduto dal 1931 al 1959
nella frazione Cascina Gonzaga coi rispettivi cognomi:

Aferio, Bonfanti, Brenna, Buzzi, Carenini, Colombo, Crippa, Donadini, Emannelli, Fumagalli, Galbusera,
Limonta, Marelli, Milani, Molteni, Panzeri, Perego, Pirovano, Pozzi, Proserpio, Redaelli, Riva, Rossetti,
Rossini, Sangiorgio, Viganò, Vitaly.

 

Cascina Gonzaga

in un disegno degli anni '70

A sinistra "Cascina Gonzaga"  (Brusola) negli anni '90 e a destra una vista dall'alto dell'anno 2007

Torna alla mappa